Si rende noto che la circolare “ASL e COVID” della PAT n.265159 del 14 maggio 2020 (che potete leggere integralmente qui), prevede tra l’altro che “resta sospesa anche per il periodo estivo, fino al 31 agosto, la possibilità di attivare tirocini curriculari per l’alternanza scuola-lavoro (…) Risulta evidente che la prolungata sospensione delle attività di alternanza scuola-lavoro andrà ad incidere sulla possibilità degli studenti e delle studentesse di completare il monto ore di ASL obbligatorio ai fini dell’esame di Stato previsto a livello provinciale dalla delibera n. 1616 del 2019: a tal proposito si anticipa che è in via di definizione un nuovo provvedimento che tenga conto del contesto emergenziale di questo periodo e delle sue inevitabili ripercussioni (…) … le ore effettivamente svolte dallo studente prima dell’interruzione possono essere considerate valide e regolarmente registrate.”

Nel comunicato 1042 di venerdì 15 maggio (e la relativa delibera) inoltre di sottolinea come questo influirà sugli anni a venire,  richiamando il “monte ore obbligatorio pari ad almeno 400 ore nell’ultimo triennio degli istituti tecnici e degli istituti professionali e di almeno 200 ore nel triennio dei licei. Tale monte ore è rimasto invariato nel tempo considerata la positiva collaborazione in atto tra scuola e territorio che ha permesso lo sviluppo di numerose e significative esperienze (…). Ora, alla luce delle importanti misure attuate per il contenimento e la prevenzione della diffusione dell’epidemia Covid, che ha di fatto interrotto anche le attività di alternanza scuola lavoro, si è reso necessario derogare a tali obblighi. Il provvedimento approvato oggi dalla Giunta provinciale stabilisce che per gli anni scolastici 2020/21 e 2021/2022 il monte ore di alternanza scuola-lavoro, ai fini dell’ammissione all’esame di Stato, può essere inferiore a quanto stabilito precedentemente, fermo restando il limite minimo previsto dalle disposizioni nazionali, che al momento è di 90 ore per il licei e di 150 per gli istituti tecnici e professionali. Per i percorsi di educazione degli adulti il provvedimento conferma inoltre una riduzione pari al 30% del monte ore standard”.

Comments are closed.